Home » Nazionale

Non ci sono più i golpe di una volta…

19 luglio 2016 224 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Tutto è possibile e se ne leggono di tutti i colori. Che il golpe fallito di Turchia sia invero anomalo è fuor di dubbio, come di dubbio gusto sono le felicitazioni postume di Obama e Merkel (almeno Putin è stato zitto) a Erdogan e al suo governo “democraticamente eletto”. Le ipotesi sono tre. La prima è che le forze armate turche, d’impostazione tradizionalmente laica e ispirate ancora al mito di Ataturk, abbiano autonomamente deciso l’azione, alquanto sgangherata, di presa del potere, occupando la televisione e il parlamento. Un’azione che ricorda da vicino quelle al limite del folclorismo messe in atto in Italia dalla guardia forestale e in Spagna dal pistolero Antonio Tejero, che entrò in Parlamento spaventando tutti tranne che il primo ministro Suarez.

Ipotesi un po’ così. Da prendere con le pinze. La seconda è che il golpe sia stato ispirato e concertato dagli Usa e dalla Russia, alla luce dell’intesa sopraggiunta per iniziative militari congiunte in Siria. In fondo la Russia aveva più di un motivo, e non solo quello dei suoi aerei abbattuti, per augurarsi la fine del regime “democraticamente eletto” di Erdogan. Gli Usa, che hanno sempre considerato la Turchia un paese alleato e strategicamente e geograficamente indispensabile, non potevano continuare a bendarsi gli occhi rispetto alle connivenze e perfino agli appoggi dei turchi all’islamismo violento. Resta da chiedersi se grandi potenze mondiali possano promuovere golpe così ridicoli. Forse è il caso di ripetere che se non ci sono proprio più le mamme di una volta, le stagioni di una volta, i film di una volta, non ci sono più neanche i golpe di una volta. Che riuscivano tutti. Non v’è dubbio che i nuovi mezzi di comunicazione non facilitino imprese simili, generalmemte praticate in silenzio. Ma tant’è. E’ proprio un declino generale…

La terza ipotesi, ventilata da studiosi ed esperti del panorama turco, è che si sia trattato di un golpe finto. Addirittura di un auto golpe. Ordito da Erdogan per stabilizzare il suo potere, per cambiare la costituzione e per avviarsi verso un regime di natura islamica, alla faccia di quel laico di Ataturk. Ci sono di mezzo duecento morti, morti davvero e non per finta, e questo dovrebbe sconsigliare ad avanzare una simile tesi. Però la vita, e soprattutto il diritto, in Turchia sono parole vuote. Le stragi di giovani manifestanti, gli arresti di giornalisti e di oppositori erano già di pubblico dominio. Stonano maledettamente, in tutte e tre le ipotesi di golpe, le parole dell’amministrazione americana, della signora Merkel e purtroppo anche del nostro Renzi. Complimentarsi per un governo “democraticamente eletto” significa poco ai fini del suo carattere democratico.

Anche Hitler vinse le elezioni nel 1933 e poi instaurò il peggiore regime della storia. Anche Morsi vinse le elezioni in Egitto e poi instaurò il regime islamico e il golpe di Al Sisi venne giudicato un bene. Anche gli estremisti islamici vinsero le elezioni in Algeria e poi vi fu il golpe e la sanguinosa guerra civile. Un regime è democratico non se vince le elezioni, ma se esercita la democrazia. Quello di Erdogan oggi è un regime democratico? O piuttosto un sistema assolutamente illiberale e ispirato ai dettami di una religione? E la complicità col terrorismo islamico, i loschi affari col petrolio di contrabbando che Putin dimostrò, le persecuzioni dei curdi che sono stati e sono tuttora il migliore nostro alleato per sconfiggere lo stato islamico, non dovevano consigliare maggiore prudenza agli americani, ai tedeschi, agli italiani? La real politique induce sempre ad allearsi con i vincitori. Dunque è giusto oggi lasciar massacrare i militari ed esaltare Erdogan? Io non ne sono affatto convinto.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.