Home » Nazionale

Fatta la legge elettorale trovato l’inganno

12 agosto 2016 275 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Avrei preferito, come ho scritto già più volte, che anche alla Camera, e non solo al Senato, i parlamentari socialisti non avessero votato l’Italicum. Sia al seminario di Viterbo, sia alla Conferenza programmatica dello scorso anno, sia negli organi di partito (un ordine del giorno presentato da Mucciolo e dal sottoscritto, molto negativo sulla legge elettorale, fu approvato all’unanimità dal Consiglio nazionale) ho sottolineato la questione fondamentale che faceva dell’Italicum una legge sbagliata. E cioè il suo carattere adatto al sistema presidenziale e incompatibile con quello parlamentare.

Non si diceva: “Ci vuole un vincitore?”. Come se si dovesse eleggere una persona, cioè un presidente, e non un Parlamento. Per questo il doppio turno nazionale, ancor più del premio di lista e non di coalizione, mi è parsa una pericolosa forzatura. Non a caso questo sistema si usa in Francia per l’elezione del presidente della Repubblica e non in occasione delle elezioni politiche dove il doppio turno è di collegio. L’Italicum, col ballottaggio e il premio di lista, è divenuto così un unicum tra i sistemi elettorali. Da qui il suo nome, che di per sè, configurandosi come l’ennesima anomalia italica, avrebbe dovuto preoccupare anzichè inorgoglire.

L’anomalia consisteva nel pasticciare tra presidenzialismo e parlamentarismo, come stiamo facendo cocciutamente da venticinque anni. Non cambiamo la Costituzione sul modello di stato, e personalmente non avrei nulla contro una riforma di segno presidenzialista o semipresidenzialista, ma tentiamo di agire attraverso la legge elettorale come se questa ci consentisse di aprire le porte di un cambiamento mai avvenuto. D’altronde non si sostiene che il governo Renzi non è stato eletto? E quale mai governo è stato eletto in Italia? Tutti i sistemi elettorali sperimentati, dal proporzionale, al Mattarellum, al Porcellum, e sarà così anche con la nuova legge, hanno solo eletto deputati e senatori.

Ma dietro l’idea che debba esserci un vincitore (la sera stessa delle elezioni, si è detto con tronfia esuberanza) sta un mancato rispetto della volontà popolare. Vorrei sapere in quale sistema elettorale europeo questo è stabilito per legge. Nemmeno nell’uninominale secco all’inglese. Tanto è vero che capita che o i laburisti o i conservatori siano stati costretti a un’alleanza coi liberali. Nemmeno nella Grecia dove al primo partito è assicurato un premio di maggioranza consistente, tanto è vero che Tsipras governa in coalizione con un piccolo partito di destra. Non parliamo poi della Germania, dove socialdemocratici e democristiani governano insieme. O della Spagna dove nessuno è in grado di governare da solo.

Dietro questa idea che un partito debba vincere col ballottaggio e il premio di maggioranza e governare da solo c’è l’idea che la coalizione tra diversi non assicuri la governabilità e la stabilità. A parte il fatto che non credo che i problemi del governo Renzi dipendano da Alfano, vorrei anche sapere se, una volta vinte le elezioni con l’Italicum, il Pd sarebbe in grado di garantire governabilità e stabilità all’Italia. Considerando la sua situazione interna i dubbi mi paiono fondati. Adesso il tavolo è stato rovesciato e una legge pensata ad usum delphini del presidente del Consiglio diviene, dati alla mano, la legge più idonea per la sua sconfitta e per la vittoria di chi aveva gridato al lupo, cioè i Cinque stelle.

Perfino Fassino, perfino Orlando, l’ondivago Orfini era prevedibile, sostengono che a fronte di un tripolarismo il ballottaggio non ha senso. Ma il sistema italiano è tripolare dal 2013. Perché costoro se ne accorgono solo ora? Così tutto diventerà più complicato. I nemici dell’Italicum si trasformeranno nei più fanatici suoi sostenitori, i suoi autori diverranno i più intransigenti revisionisti. In passato è sempre capitato che una legge che doveva favorire gli uni ha finito per far vincere gli altri. La legge Acerbo fu sostenuta dai liberali e votata anche dai popolari e decretò la vittoria fascista, il Mattarellum voluto da Segni e sostenuto da Occhetto ha favorito l’exploit di Berlusconi, il Porcellum voluto dal centro-destra ha decretato il millimetrico successo di Prodi. L’unica differenza è che, pare, adesso si tenta di correre ai ripari prima delle elezioni. Non sarà facile. Come diceva quel vecchio proverbio indiano “cavalcare la tigre è semplice. Il difficile è scendere quando la tigre è in corsa”…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.