Home » Nazionale

Prima a Mestre e poi a Bologna sul referendum

29 ottobre 2016 300 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ieri dibattito a Mestre e oggi a Bologna, riassumo. Si deve scegliere tra questa riforma costituzionale e la situazione attuale (bicameralismo paritario, attuale titolo V, permanenza del Cnl, attuale sistema dei referendum), dunque preferisco la riforma e voto sì. Il no non ha un progetto di riforma condiviso. Dunque se vincesse il no tutto resterà com’è ora. Di più, se vince il sì si rafforza Renzi e il suo governo, è vero, ma se vince il no si rafforzano gli ex comunisti nel Pd, l’ala oltranzista di Salvini e Meloni nel centro-destra, e soprattutto Grillo, che vuol vincere le elezioni. E’ meglio?. Di più, ancora. Io sono sempre stato contrario all’Italicum. Ieri è stata trovata un’intesa politica nel Pd per l’eliminazione del ballottaggio e per il premio di coalizione. Il documento verrà poi sottoposto ai partner di maggioranza e firmato. La nuova legge elettorale verrà approvata subito dopo il 4 dicembre. E’ quello che non solo noi, ma anche Cuperlo e Alfano, chiedevano. Salta il combinato disposto, dunque? Il mio modo di ragionare e di tentare di convincere non è quello dei pasdaran del sì, ma quello di chi avrebbe preferito un’altra via, e cioè la Costituente e il referendum tra presidenzialismo e parlamentarismo che è alla base di tutto. Prendo atto che questa via é ostruita, anche se vince il no. Credo sia meglio eliminare il bicameralismo paritario, riformare il titolo V, eliminare il Cnel e riformare l’istituto del referendum. Anche se la via scelta è stata diversa.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.