Home » Nazionale

Putin riscrive la storia

10 Agosto 2023 174 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Era accaduto anche durante il nazismo e per molti aspetti anche durante il fascismo, quando i libri di testo fin dalle elementari erano scritti dai rispettivi regimi. In Italia ad esempio si esaltava il ruolo sacro dell’impero romano, si leggeva il Risorgimento secondo una logica puramente nazionalista, si esaltava l’interventismo bellico e si paragonava Mussolini a Cesare o a Napoleone. In Russia la riscrittura, secondo quanto afferma nel suo bell’editoriale Paolo Mieli sul Corriere, é anche più radicale. La guerra all’Ucraina sarebbe in atto per denazificarla, Gorbaciov sarebbe stato un vecchio arnese nelle mani degli americani, la fine dell’Urss, secondo quanto già affermato dallo stesso Putin, la più grande tragedia del novecento. Fin qui si può pensare a una rilettura in chiave paleo comunista. E invece niente Lenin e gloria agli zar e all’impero russo. Da Caterina II ad Alessandro III. La dimenticanza di Lenin sta proprio nel non aver valorizzato il nazionalismo russo. Come invece ha fatto Stalin con l’eroica resistenza all’invasione tedesca. Nella rivalutazione di Stalin si nascondono gli orrendi crimini compiuti, le fucilazioni dei dissidenti (eliminò i 2/3 del Comitato centrale del Pcus), non v’é cenno all”Holomodor”, la strage a milioni dei contadini ucraini lasciati morire di fame per procedere alle nazionalizzazioni delle terre e all’industrializzazione forzata. E Mieli aggiunge: “Tutti i riconoscimenti delle responsabilità staliniane in piccoli e grandi misfatti (tra cui le fosse di Katyn, la repressione dei dissidenti, e l’«arcipelago gulag), tutte queste ammissioni di colpa in alcuni tra i più efferati crimini del XX secolo, sono scomparse nei manuali di storia che approderanno nelle scuole della Federazione russa. Questi sono poi i drammatici fatti di cui parlò Kruscev al XX congresso del Pcus nel gennaio del 1956. Vorrei per un momento intrattenere i lettori su quest’ultima questione. E’ vero che Putin non é ispirato da un’ideologia precisa, se non dal più ottuso nazionalismo, anche se il suo trascorso ruolo nel Kgb non é trascurabile. Ma che un regime, quello russo, attuale, rinneghi perfino il revisionismo kruscioviano e rivaluti Stalin al pari degli zar russi, riportando l’interpretazione della storia a settanta e anche a duecento anni fa, questo non lo si può oggi tralasciare. Qualcuno può pensare: un criminale che rivaluta un altro criminale. E invece si tratta di una autentica e coerente ispirazione politica. Stalin, secondo i testi putiniani, avrebbe concesso alla Polonia i suoi confini orientali, e invece il Patto Ribbentrop-Molotov impediva di fatto alla Polonia di esistere, Stalin permise all’Urss di ampliare i suoi territori. Sì ma sottomettendoli. Qui c’é evidente la vocazione putiniana: ampliare i territori della Federazione russa, annettendo la Cecenia, due repubbliche georgiane, e oggi l’Ucraina. Domani? E anche il Niger, uno stato ricchissimo di materie prime, prima tra tutte il plutonio, mentre la quasi alleata Cina ha tra le sue mani il dominio su mezza Africa. Silenti i partiti, silenti i pacifisti, silenti le organizzazioni umanitarie e anche gli uomini di cultura. E soprattutto silenti gli storici. Non riusciamo a comprendere che sta cambiando il mondo? E anche le interpretazioni del suo passato. Generalmente quando si intende compiere un’azione bellica imprevedibile e ingiustificabile é proprio  la storia che bisogna manomettere. Avrà ragione Federico Rampini a sottolineare come la crisi della Cina potrebbe rilanciare le economie occidentali. Ma il pericolo Putin non può e non deve permettere a Xi, sia pure in difficoltà, uno stretto legame con lui. Ci mancherebbe solo che alla rivalutazione di Stalin corrispondesse analoga rivalutazione di Mao, del suo libretto e della sanguinosa rivoluzione culturale…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.