Home » Nazionale

Attenzione Giorgia

4 Novembre 2023 208 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

La presidente del Consiglio non deve solo stare attenta alle persone con le quali parla al telefono (quelli che si fingono rappresentanti dell’Unione africana e sono invece due comici russi, che si divertano o siano messaggeri delle nostre debolezze non saprei). Giorgia deve stare molto attenta anche all’iter della sua riforma costituzionale. Personalmente avanzo due dubbi sul testo diffuso, di carattere generale. Uno di buon senso. Già criticai la legge elettorale definita Italicum avanzata da Renzi al tempo della sua presidenza del Consiglio, che di fatto, col culto del sindaco d’Italia, istituiva una sorta di premierato. Che questo sistema non esista in nessuna parte del mondo non può essere trascurato. I sistemi conosciuti e sperimentati con più o meno successo, sono due, tutti con variabili: quello presidenziale e quello parlamentare. Il modello presidenziale poi si può suddividere in presidenziale puro (Stati uniti) e semipresidenziale (Francia) e quello parlamentare in parlamentare puro (Italia) e parlamentare con cancellierato (Germania). Il sistema parlamentare si regge poi su leggi elettorali alquanto diverse che assicurano più o meno stabilità (nel Regno unito vige il sistema maggioritario, mentre in Germania lo sbarramento al 5%). In nessuno di questi paesi e neanche negli altri esiste il premierato, cioè l’elezione diretta del presidente del Consiglio. La ragione sta nella sua figura che dipende sempre dall’esistenza di una maggioranza parlamentare. Complicato garantire che un presidente del Consiglio eletto direttamente si porti seco sempre una maggioranza parlamentare. Nel progetto di legge Casellati si sostiene che occorrerebbe una legge elettorale con premio di maggioranza tale da assicurare al premier il 55%. Come fare? C’era una legge di questo tipo, il Porcellum, che faceva volare la prima coalizione alla maggioranza assoluta qualsiasi percentuale avesse conquistato. Ma per questo (per non avere fissato una soglia minima per la conquista del premio di maggioranza) é stata bocciata dalla Corte costituzionale. E’ chiaro che l’incertezza di assicurare al premier eletto una maggioranza parlamentare inficia l’intera impalcatura della legge. Ma se mai questa proposta venisse approvata dalle due Camere con le procedure previste dall’articolo 138 della Costituzione si potrebbe andare al referendum confermativo, l’unico che con contempla l’obbligo del voto della maggioranza degli aventi diritto. Ve lo immaginate un referendum su una questione così delicata, contestato da una parte in nome della democrazia costituzionale, che la destra intende ribaltare in nome di un uomo solo al comando? Vi ricorda niente questo assunto? Potrebbe scattare nella mente di qualcuno qualche ricordo? Non saprei, ma il pericolo esiste. Dunque, per il limite evidente della proposta e per i rischi che contiene consiglio a Giorgia di pensare ad altro. Ad esempio a rintrodurre le preferenze nella legge elettorale. Basterebbe una legge perché quella elettorale non è prevista dalla Costituzione. Non eleggerebbe il capo dell’esecutivo, ma tutti i parlamentari sì. E non sarebbe poco.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.