Home » Nazionale

Sinner e i grandi evasori

2 Febbraio 2024 420 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Si fa un gran parlare di Jannick Sinner e della sua residenza a Montecarlo. Non é un eroe, qualcuno sostiene, perché paga le tasse all’estero. Come se fosse l’unico. Valentino Rossi si trasferì a Londra per non pagare una salatissima multa per evasione fiscale, pare di 35 milioni di euro, per non aver denunciato due anni di lauti profitti. Poi fu costretto a sborsare tutta la cifra. Anche il terzo grande sportivo italiano, Alberto Tomba, é stato coinvolto in una controversia fiscale e ha pagato una somma significativa all’erario per evitare un processo per evasione. Per non parlare di Matteo Berrettini, anche lui residente a Monaco o di Max Biagi che ha scelto Dubai. Ma quello che sconcerta é la perdita di ben 35 miliardi di euro dello stato italiano perché intere aziende, le più grandi, hanno scelto l’Olanda. Interessante é sfogliare un articolo di Panorama del 20 luglio 2020. Il paese dei tulipani non ha un regime fiscale molto meno rigido dell’Italia. Il vantaggio é che non tassa gli utili. Tanto guadagni, tanto tieni in tasca. E sorprende davvero (é un controsenso) che tra le aziende ce ne siano due a partecipazione pubblica: Eni e Enel. Lo stato che froda se stesso? In fondo non é così perché gli utili non tassati e sottratti allo stato verranno poi reinvestiti. E si trasformeranno però in investimenti tassati in Olanda. Parliamo della Fiat. O meglio della Exor della famiglia Agnelli, che é la prima società italiana, comprendente Fca, Ferrari, Juventus, e i gruppi editoriali Gedi e The economis. Una parentesi su questi due gruppi. I giornalisti non accettano di essere trattati come dipendenti e rivendicano la loro autonomia. Avete mai visto un fondo di Giannini su questo argomento o sulla questione Stellantis, società con Peugeot, che produce per l’80 per cento in Francia e diminuisce i lavoratori in Italia, come giustamente sostiene Carlo Calenda, senza suscitare la minima protesta di Landini? Autonomia limitata o autolimitata. Non é finita qui. Anche Mediaset da Cologno monzese ha preso sede ad Amsterdam, mentre Cementir, la multinazionale italiana della produzione del cemento, é in Olanda dal 2019. Passiamo a Luxottica. Qui si tratta di un’antesignana, avendo trasferito la sua sede ad Amsterdam già nel 1999. Ancora più indietro bisogna far risalire i trasferimenti della multinazionale italiana dei dolci, la Ferrero. Prima aveva deciso di pagare le tasse secondo il sistema lussemburghese, già nel 1973, poi si é adeguata virando verso l’Olanda. Anche Illy, che con la politica ha avuto molto a che fare, ha marciato spedita verso Amsterdam, come pure Prysmian e Telecom Italia. Insomma tra aziende vendute allo straniero, praticamente la gran parte dell’agro alimentare e buona parte della moda, e aziende italiane che pagano le tasse all’estero, mentre i protagonisti dello sport, della musica e dello spettacolo fanno altrettanto, che volete che sia il povero (mica tanto) Sinner? E poi perché togliere qualcosa ai suoi trionfi che nulla hanno a che fare con la morale? Best era solito dire: “Il 70 per cento di quello che ho guadagnato l’ho speso in donne e liquori, il rimanente trenta l’ho sperperato”. Sinner resta un campionissimo anche se ha residenza a Montecarlo. Più difficile é giustificare gli editori di quei giornali sui quali si mena scandalo per Sinner…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.