Home » Reggio Emilia

A Reggio quattro manifestazioni in una

14 gennaio 2016 562 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Domani a Reggio si torna agli anni settanta. C’è la destra in piazza Martiri, e la sinistra, divisa in due, che contromanifesta. Poi c’è la Lega che fa per sé. Siamo nel 2016 e molte passioni si sono spente. E’ dunque piuttosto incomprensibile il motivo per cui improvvisamente rinascano a Reggio. Che la destra abbia diritto di manifestare è fuor di dubbio. Quale destra poi? C’è di mezzo il sindaco di Verona Tosi che fino a ieri era in odor di passaggio a sinistra. E con lui il solito Luca Tadolini che oltre a scrivere libri non ha mani fatto male a nessuno. Si dice che è la piazza dei martiri del 7 luglio. Vero. E che quella piazza ricordi quei martiri è scritto nell’intestazione. Eppure in quella piazza hanno parlato e sfilato tutti. Perfino l’onorevole Tassi, il deputato piacentino che girava con l’effige di Mussolini. Oggi è improvvisamente salita la pressione. Lo dico da socialista, da antifascista, da figlio di un partigiano. Evitate tutti l’uso della violenza e lasciate che ognuno manifesti liberamente il proprio pensiero. Questo ci ha insegnato il valore della lotta per la nostra libertà. E se proprio devo essere ancora più chiaro dico anche che la migliore resistenza alle parole d’ordine di una certa destra è oggi l’indifferenza. Oltre alla critica. Mai la sopraffazione.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.