Home » Nazionale

Padri, madri, figli e fidanzati

28 Febbraio 2019 138 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

La politica italiana si svolge in famiglia. Non c’é esponente politico che ormai non debba essere chiamato a rispondere delle colpe dei padri, delle madri, dei figli, e anche dei fidanzati. Cominciò il povero Bossi a proposito del suo delfino, o trota, come lo volle battezzare, che ne combinò di ogni colore col consenso del suo cerchio magico. Laurea in Albania, soldi svaniti, il tesoriere connivente, l’autista stanco di passargli denari, inchieste e condanne per aver utilizzato soldi dello stato per fini privati. Un macello, fine di Bossi padre (poteva non sapere?) e inizio della fase Salvini. E che dire del figlio del ministro Lupi che, per incarichi e regali ricevuti, costò al papà la perdita del ministero.

Poi il boschicidio, con la dolce e bella ministra Elena messa in croce per la vicenda di papà, vice presidente di quella banca Etruria, esplosa e messa all’angolo assieme ad altre sei, con tanto di avvisi di garanzia per gli amministratori e perdite per azionisti e risparmiatori. Oggi siamo di fronte all’assoluzione di Boschi padre, che la figlia ha sempre difeso, ma allora chi oggi governa e nega l’autorizzazione a procedere a un ministro, ne pretese le dimissioni per il semplice reato d’esser figlia di un indagato.

Poco tempo fa due nuove imputazioni a papà Di Maio e, per pari dignità di leadership, a Di Battista padre. Di Maio senior accusato di abusi edilizi nei terreni vicini a casa e di pagamenti in nero a un dipendente della sua ditta, ha ammesso le sue colpe scagionando il figlio. Di Battista ha anticipato il padre e anche la giustizia, confessando che papà suo, camicia nera della rivoluzione grillina, un dipendente in nero (coerentemente) l’aveva anche lui. In questi due casi i grillini ammettevano che padri e figli sono entità divise, come le mamme dal cordone ombelicale.

E infine l’arresto a sorpresa di papà e anche mamma Renzi, arresto anomalo perché concesso ai domiciliari, poi a quelli della figlia, poi con la possibilità di ricevere e parlare con chiunque. A tal punto che l’arresto pare più deciso per fare notizia che non come misura per scongiurare l’inquinamento delle prove. A mo’ di garantismo il senatore grillino Gianrusso se n’é uscito col segno delle manette. In questo caso, visto che le colpe dei padri non ricadono sui figli, quelli all’unisono di padre e madre certo sì.

Adesso siamo ai fidanzati. E’ capitato alla giovane presidente della Commissione giustizia della Camera, l’on. Sarti, romagnola a Cinque stelle. E’ stata accusata dal suo partito di non avere versato il dovuto e questo non é certo compito della magistratura accertarlo. Ma il fatto originale é che lei, pare su consiglio di qualcuno molto in alto del suo movimento, ha accusato il suo collaboratore e fidanzato di essersi accaparrato i soldi. A sorpresa, intercettazioni alla mano, il magistrato assolve il fidanzato. Lei si era inventata tutto. Giustizia è fatta. Scaricare sui figli le colpe dei padri e delle madri, e viceversa, non saprei, ma riversarle sui fidanzati é assai pericoloso…

 

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.