Home » Nazionale

Livorno 1921: celebriamo le ragioni dei riformisti

27 Novembre 2020 229 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

A gennaio si celebra il centenario della scissione di Livorno. Tutti gli storici, e anche alcuni dei suoi protagonisti, a cominciare da Terracini, sono concordi nel ritenerla un tragico errore. Fra l’altro avvenne tra i comunisti che obbedivano ai 21 punti di Mosca, le condizioni per essere accolti nell’internazionale di Mosca, e i comunisti unitari di Serrati che non ne accettavano solo due e cioè l’espulsione dei riformisti e il cambio del nome da socialista a comunista. In verità il Psi dal congresso di Bologna del 1919 era diventato un partito a maggioranza comunista. Oggi cent’anni dopo, senza poi mettere in discussione la storia del Pci, che con Togliatti prese corpo nelle dimensioni di via nazionale al socialismo e con Berlinguer ruppe con i paesi comunisti, vorrei che tutta la sinistra in questa occasione riconoscesse le ragioni e i meriti di Filippo Turati, Claudio Treves e Camillo Prampolini, che già allora mettevano in guardia dall’innamoramento della rivoluzione d’ottobre e che paventavano i rischi dell’involuzione fascista. E poichè erano dell’opinione che per salvare il salvabile occorresse partecipare al governo coi popolari e i liberali, vennero cacciati dal Psi a pochi giorni dalla marcia su Roma. Penso che solo il socialismo riformista turatiano e prampoliniano e liberale, quello di Carlo Rosselli, salvi la storia socialista dal suo naufragio. Onoriamola come merita. Ci torneremo. Con la forza delle nostre ragioni.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.