Home » Reggio Emilia

L’occhio sulle elezioni (2): “I ricchi, i pullman, i negozi e i manifesti. Per la prima volta Reggio Emilia si trasforma in Reggio Calabria

21 aprile 2009 476 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Una volta i partiti si saranno anche stati finanziati illecitamente, ma permettevano a un figlio di ragioniere di banca com’ero io, di partecipare alla elezioni e di vincerle. Adesso, con il sistema delle preferenze, vedasi elezioni europee e amministrative, solo i ricchi possono competere. Un bel passo avanti. Reggio Emilia è la dimostrazione più esilarante di questo nuovo concorso a suon di quattrini. La campagna elettorale deve ancora cominciare e da tempo tutti i muri della città sono tapezzati di gigantografie con la faccia dei candidati e i loro slogans specifici. Tiziano Motti ha invaso tutto il collegio Nord Est, promettendo di battersi per i nostri diritti (e chi lo può dubitare?), e ha allestito anche un pullman, pensando che era diritto suo. Filippi, candidato sindaco del Pdl, si è subito adeguato e ha preparato un pulmino per “far rialzare” Reggio dopo 63 anni di sonno e decadenza. E lui gli sogghigna come a dire: “non sai quel che ti può aspettare”. Alessandri lo vedi ovunque coi suoi appelli alla sicurezza circondato da una sorta di aureola verde speranza e da un sorriso severo. E non è da meno Delrio che si firma semplicemente “il sindaco” su sfondo granata (come dire sindaco di oggi e di domani e sempre Forza Regia). Non sono da meno neppure i candidati al Consiglio comunale. Senza ancora che sia stata presentata la lista Cataliotti lo vedi campeggiare in centro con un negozio appositamente affittato per l’evento,  accoppiato a due candidati al Consiglio di cicroscrizione che la faccia la vogliono mettere pure loro. Addirittura i candidati circoscrizionali che fanno campagna personalizata a suon di migliaia di euro l’uno. Non era mai successo. Sono stato ovunque in Italia a far campagna elettorale. E mi meravigliavo che a Roma come  a Pescara o a Reggio Calabria le elezioni amministrative si trasformassero in concorsi di bellezza per facce di candidati: ovali, tonde, spigolose, con sorrisi beffardi, allusivi, semplici, forzati. Facce di uomo, di donna, di ragazzo, facce a mezz’asta, a tutto tondo, facce di profilo, di fronte e a mezzo busto. Generalmente ringiovanite, spesso ritoccate e con giacca e cravatta, così per bene e rassicuranti. Facce e facciotti ovunque che coprivano ogni altra pubblicità e perfino gli avvisi mortuari. Adesso, e questa è la novità, anche Reggio Emilia si è adeguata. Non siamo più nenche in questo un’anomalia positiva.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.