Home » Nazionale

Civati e bistrattati

26 Novembre 2013 859 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ma si dai, ancora una volta è lui il più deluso. Pensava davvero di presentare una mozione contro la Cancellieri e che gliela lasciassero fare. Oltretutto aveva avuto un sì da Renzi e un mezzo sì anche da Cuperlo. Civati è giovane e intelligente, ma non avvezzo alle logiche della democrazia. Lui sta in un partito che sta in un governo che lui non voleva. E si sente all’opposizione. Crede davvero che il Pd sia un partito anarchico dove ognuno può fare quel che vuole. Col precedente del voto sul presidente della Repubblica non ha tutti i torti. Quando Letta gli ha fatto presente il suo sillogismo (io sono presidente del Consiglio, la Cancellieri è un mio ministro, chi vota contro la Cancellieri vota contro di me) si è davvero stupito. E pare abbia confessato con gli occhi fuori dalla testa: “Ma sono finito in un partito normale?”. Ha osservato Scalfarotto e si è subito tranquillizzato…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.