Home » Nazionale

Tra il Dattorium, il Lauricellum e il Brunettam…

4 marzo 2014 599 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Non ci saltano fuori perché Renzi e Berlusconi non conoscono la Costituzione. All’articolo 57 è scritto testualmente: “Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvo i seggi assegnati alle circoscrizioni estere”. Dunque nessuna legge elettorale che riguardi il Senato e che contenga premi di maggioranza nazionali può essere approvata senza una procedura di modifica costituzionale, come previsto dall’articolo 138. E cioè maggioranza dei due terzi ottenuta in doppia lettura dalle due Camere oppure maggioranza semplice e referendum confermativo. Dunque ha ragione il pidino D’Attorre a proporre una legge elettorale con procedura ordinaria limitata alla sola Camera, in attesa dell’abolizione del Senato, oppure, come dice l’ex socialista Lauricella, ad avanzare l’idea di partire dal Senato, con la legge costituzionale che preveda la sua abolizione e poi di approvare la nuova legge elettorale della Camera. Tertium non datur. Solo Brunetta conferma la volontà di approvare il BR immediatamente come legge valida per entrambe le Camere e con procedura ordinaria. Non si può, professore. Studi prima di parlare…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.