Home » Nazionale

Lettera aperta al presidente del Consiglio Matteo Renzi

1 Ottobre 2014 703 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ill. presidente del Consiglio, caro segretario del Pd, diciamo pure che la domanda è stata un po’ stupida, quella del bravissimo Fazio a proposito della preferenza del presidente del Consiglio per Craxi o Berlinguer, ma la risposta è quanto meno sconcertante. Anzi è perfino offensiva per chi ha condiviso il percorso politico del Psi di Craxi, pur con tutte le differenziazioni su questo o quell’argomento. Io, ad esempio, non ho condiviso la politica del dopo ottantanove. Ma sostenere che “è facile rispondere” e che lei preferisce Berlinguer, perché ammira “la sinistra delle opportunità e non quella dall’opportunismo”, è inaccettabile.La storia dell’autonomismo e del riformismo socialista, delle anticipazioni sulle riforme istituzionali, della critica al leninismo e al comunismo, delle scelte lungimiranti sulla scala mobile e contro l’inflazione, dell’appoggio a tutti i popoli oppressi dell’Ovest e dell’Est, l’indipendenza dimostrata sul piano internazionale, la protervia dimostrata nel rivendicare il diritto a una patria per i palestinesi nella sicurezza dello stato d’Israele, l’appoggio esplicito anche economico a tutti i movimenti di liberazione, l’eurosocialismo, mentre Berlinguer si schierava per l’eurocomunismo, la posizione sul caso Moro, quella sul referendum per la responsabilità civile dei magistrati, la lotta contro i poteri forti, forse quegli stessi che vedono in lei oggi un bersaglio, e potrei a lungo continuare, rappresentano per lei “la sinistra dell’opportunismo”? Questa è la nostra storia, la storia pluriventennale del socialismo italiano che ha regalato agli italiani importanti, decisive riforme sul piano economico e sociale, su quello dei diritti civili e della laicità dello stato. Rettifichi il giudizio sui socialisti, signor presidente del Consiglio e segretario del Pd, perché mi chiedo come possa, e ce ne sono, un socialista stare nel suo partito se ella giudica in questo modo il suo passato. E come possano i socialisti appoggiarla in Parlamento se ella ritiene che il partito al quale hanno orgogliosamente appartenuto, e che ha avuto in Craxi il leader, abbiano a cuore l’opportunismo. E lo dice uno che ha condiviso la sua linea e il suo programma scontrandosi su questo coi molti suoi stessi compagni di partito. E che giudica buona cosa il suo Jobs act e la sua riforma della giustizia. Rettifichi la frase offensiva verso la politica del PSI di Craxi e se ne gioverà lei stesso, che voglio sperare tenga alla storia della verità. Suo Mauro Del Bue (direttore dell’Avanti)

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.