Home » Nazionale

Io e D’Alema

8 aprile 2015 875 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Ho fatto questo titolo anche se, com’è evidente, non sono mai stato presidente del Consiglio e non posso paragonarmi al leader maximo. Però siamo stati entrambi oggetto di intercettazioni e le telefonate proiettate sulla stampa, senza che entrambe avessero alcun rilevo penale, né potessero essere collegate a vicende inerenti le indagini su ipotesi di reato in corso. Con una differenza, a mio ulteriore vantaggio. Nella mia telefonata a un ingegnere che lavorava col ministero delle Infrastrutture, e chiedeva un appoggio per essere nominato dal ministro come presidente di un ente, io facevo riferimento all’esigenza politica di “sistemare due o tre socialisti negli enti” su centinaia di nomine in corso. Nella telefonata che riguarda D’Alema si faceva riferimento a vino e libri suoi venduti a una cooperativa, accusata di aver pagato tangenti.

Io, che appartengo a un piccolo partito che si collega a un grande partito gettato nel fango con Tangentopoli, non posso reagire. D’Alema chiama in causa la magistratura e il Csm, che dovrebbe vigilare su intercettazioni che giudica illegittime. E scoppia la fine del mondo. Niente da dire. D’Alema ha ragione. Ma perché se una cosa capita a un dirigente del Pd, ex Pci, esplode il finimondo e se una cosa, minore, capita a un dirigente del Psi, anche del vecchio Psi, nessuno protesta? La mia telefonata è stata pubblicata, anche più volte, dal Corriere della sera, da Repubblica, da La Stampa, da Il Resto del Carlino-Nazione e Giorno, da due giornali di Reggio Emilia che mi hanno addirittura dedicato una pagina intera con tanto di foto.

Nessuno ha detto bau. Possibile che i compagni e amici del Pd, che sono oggi sulla graticola per ben altre questioni che non per la telefonata che riguarda D’Alema, protestino solo quando le ingiustizie e le illegalità riguardano loro? Io non ci sto. Come non ci stavo nel 1992-94, quando tutto il male della politica veniva riversato sui socialisti. Anche se in Emilia-Romagna le cooperative assumevano e sostenevano per due terzi il Pci e per un terzo il Psi. Noi finimmo sul banco degli imputati e loro su quello dell’accusa. Scusate se mi sono lasciato andare. Vabbè, questa ormai è preistoria….

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.