Home » Nazionale

De vitalizziamoli

20 maggio 2015 751 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Si agita molto in tivù un certo Mario Giordano contro i vitalizi dei parlamentari, che anche a mio giudizio dovrebbero essere, Corte permettendo, adeguati a criteri di maggiore buon senso, ad esempio prevedendo la non cumulabilità dei proventi di diverse istituzioni pubbliche. Ma Giordano, col suo degno compare Belpietro, pare morso da una tarantola e morde contro tutti i vitalizi per abrogarli subito, anche a chi ce li ha e magari vive solo contando su quelli.

Orbene questi signori hanno vissuto, in questo decennio, con stipendi superiori a quello dei parlamentari italiani, grazie al finanziamento pubblico che ha garantito (leggere per favore il libro di Lopez “La casta dei giornalisti”) circa 750 milioni all’anno, in forme dirette e indirette, secondo il blog di Beppe Grillo la cifra raggiungerebbe addirittura i mille milioni (1 miliardo) ai mezzi di informazione.

Il costo dei vitalizi parlamentari, secondo i dati ufficiali e resi pubblici, ammonta a 148 milioni l’anno. Un quinto del costo dei giornalisti moralizzatori. In particolare giornali come Libero. Il Foglio e Il Giornale, avrebbero dovuto chiudere senza le provvidenze pubbliche. Proprio i loro giornali, ma che strano. De L’Unità abbiamo già trattato e il suo maxi debito di 120 milioni di euro (quasi l’equivalente annuo del costo dei vitalizi parlamentari) è stato scaricato sullo Stato, cioè sui cittadini.

I grandi gruppi editoriali da Mondarori a L’Espresso-Repubblica e altri sono stati beneficiati da centinaia di milioni all’anno e già prima della legge sulle provvidenze godevamo di finanziamenti riservati alla presidenza del Consiglio, che nel 1993 vennero negati all’Avanti. Inutile parlare poi dei giornalisti pagati dal sistema televisivo pubblico o da quello, ugualmente sovvenzionato dallo Stato, delle reti private. Se fossi in Massimo Giletti, ad esempio, sarei più cauto nello sparare alzo zero contro la casta dei politici.

Si potrebbe aggiungere anche qualcosa sulle pensioni dei giornalisti. È infatti noto che l’Inpgi ovvero la cassa di previdenza dei giornalisti, è quella che attualmente regala le pensioni più elevate con un tasso di sostituzione nel 2014 del 104%. E potremmo anche continuare con l’ordine dei giornalisti, un istituto che in tanti e i radicali in prima fila, hanno tentato di abrogare invano. Veramente una colpa il sistema politico ce l’ha e cioè proprio quella di aver approvato leggi e norme, come ben descrive nel suo libro Lopez, che hanno permesso questo assurdo sperpero di risorse pubbliche.

Ma proprio questo dovrebbero denunciare tutti coloro che dicono di battersi contro le spese pubbliche ingiustificate e insensate che oltretutto, come nel caso in questione, finiscono spesso per mescolarsi con l’illegalità e a volte col malaffare del quale é stato vittima anche il nome glorioso che porta il nostro giornale. Invece, ed è comprensibile, i moralizzatori della carta stampata (pagata coi soldi dello stato) e delle tivù di stato, pagata coi soldi nostri, si scagliano contro i supposti privilegi … degli altri. Non ho intenzione di mollarci, amici e compagni dell’Avanti. È il momento di dire quello che gli altri non hanno il coraggio di dire. Siamo tutti pavidi e tremanti di fronte al quinto potere. Lo so. Abbiamo paura di essere esclusi e anche perseguitati. Noi no.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.