Home » Nazionale

Piano B e Sarchiappone

16 giugno 2015 641 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Nessuno ne conosce ufficialmente i contenuti. Anzi il premier Renzi ha annunciato che per ora li tiene segreti. Però i giornalisti li hanno rivelati. Chi mente, il presidente del Consiglio o taluni fidati cacciatori di notizie? La verità è che discutere di ciò che non si sa è piuttosto complicato. Già farlo di cose conosciute lo è. Dunque il piano B sembra il Sarchiappone del famoso sketch televisivo di Walter Chiari e Campanini. Parlano di un essere che non esiste, ma a lungo. Che il piano B venga dopo un piano A è evidente anche solo alfabeticamente. Che dunque sia destinato a scattare alla luce della mancata decisione Ue sulle quote dei migranti (ma non era stato un successo l’ultimo vertice per Renzi?), che dopo la decisione della Francia di chiuderci le frontiere in faccia sia ormai urgente pensare a qualcos’altro è perfino scontato.

Ben venga dunque stò piano B. Che da quel che si comprende scatta alla luce del fallimento del piano A, o meglio della mancata esistenza del piano A sulle quote, ma che prende dunque atto dell’inesistenza della politica Ue sull’immigrazione, approfittando del trattato di Dublino che ritiene l’accoglienza agli immigrati problema nazionale di ciascun paese. Allora, con una dose anche eccessiva di enfasi, ecco scattare il piano solo italiano, che a giudizio dei bene informati e capaci di infrangere segreti istituzionali, sarebbe articolato in tre punti. Il primo sarebbe quello di dotare gli immigrati in suolo patrio di permessi transitori capaci di infrangere l’urto di barriere che il trattato di Schengen ha di fatto abbattuto. Il secondo è quello di impedire alle navi francesi e inglesi che trasportano emigrati di attraccare nei porti italiani. Il terzo, l’indiscrezione è dell’informato Vespa, potrebbe portare addirittura a superare l’embargo con la Russia di Putin in modo unilaterale.

Vediamo le conseguenze. La prima ci porterebbe ad una crisi diplomatica e politica coi paesi confinanti e in particolare con la Francia, che a quel punto potrebbe anche unilateralmente sentirsi in dovere di superare Schengen con tutti gli effetti che questo potrebbe determinare anche per le nostre merci. La seconda porterebbe immediatamente al ritiro delle navi non italiane dal mare Mediterraneo, dopo che l’Italia, superando l’italico Mare Nostrum, aveva chiesto il loro ingresso in campo. Bè, la terza porterebbe Italia, che già con le prime due si troverebbe in urto con l’Europa, ad aprire un grave confitto internazionale anche con gli Usa. Peggio el tacon del buso? Direi che l’Italia di Renzi potrebbe trovarsi esattamente nelle condizioni dell’Italia di Mussolini dopo la guerra d’Etiopia. Isolata dal mondo. Un po’ di prudenza e di minori smargiassate non guasterebbe. Abbiamo oggi solo sessantamila immigrati da sistemare. Poi, è vero, ci sono assai più di sessantamila voti da recuperare…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.