Home » Nazionale

Con Beppino Englaro, che sarà a Reggio in aprile, al Senato per la Fondazione Eluana

17 marzo 2009 682 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Sono stato stamane al Senato per la presentazione della Fondazione Eluana. Assieme a Beppino Englero, che ha assicurato la sua presenza alla manifestazione di aprile che si svolgerà a Reggio Emilia, stavano due professori: Defanti e Borasio, il primo in neurologia e il secondo in cure palliative. Il compito della conferenza stampa allargata a molti esponenti politici (tra i quali la sen. Finocchiaro, il sen. Saro, il sen. Perduca) era quello di presentare la fondazione che si propone il fine di illustrare le vicende relative al cosiddetto fine vita, dal punto di vsita scientifico. Beppino Englaro ha ripercorso il suo caso e ha manifestato ancora il suo sdegno per la disinformazione strumentale sulla vicenda di Eluana, nel corso dei 17 anni nei quali la figlia è rimasta in stato vegetativo. Defanti ha illustrato la vicenda dal punto di vista medico. Già quattro anni dopo l’incidente egli aveva prognosticato l’inevitabile e irrecuperabile decorso della ragazza a seguito del grave incidente. Borasio ha polemizzato duramente col testo del testamento biologico presentato al Senato e che da domani inizierà il suo iter in Aula. “Scientificamente “, egli ha sostenuto, ” l’idratazione in stato di fine vita è davvero incomprensibile. E crea danni certi, visto che i reni sono il primo organo a smettere di funzionare. I liquidi finiscono nei polmoni e creano embolie”. E ha aggiunto: ” In Germania, dove lavoro (Borasio è primario dell’ospedale di Monaco di Baviera) anche la cattolicissima Csu ha accettato un testo sulla piena libertà di scelta. E la Cdu e la stessa Merkel hanno approvato una legge che afferma che l’alimentazione e l’idratazione sono cure e possono essere rifiutate”. In tutta Europa esistono leggi sul fine vita e in nessun paese, al di fuori dell’Italia, alimentazione e idratazione sono considerate obbligatorie”. Sono intervenuti, tra gli altri, Ignazio Marino, Marco Perduca, Paolo Flores D’Arcais, Mauro Del Bue.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.