Home » Nazionale

De Magistris e de Magistratis

26 settembre 2014 586 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Dunque il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, è stato condannato per illegalità commesse nella sua famosa indagine Why not, che aveva portato prima a conseguenze giudiziarie e politiche di grande significato, nonché alla sua discesa in campo e alla sua elezione a sindaco di Napoli, e poi all’assoluzione degli imputati e alla sua incriminazione per illegalità commesse nell’indagine. La condanna in primo grado è piuttosto pesante: un anno e mezzo condonato. Ma quel che più conta è la sospensione dai pubblici uffici dopo il primo grado di giudizio, secondo la legge Severino, quella applicata a Berlusconi. Occorre anche ricordare che l’indagine di De Magistris portò alla caduta del governo Prodi, dopo le incriminazioni della famiglia Mastella.

Ecco il magistrato perfetto. Da piemme indaga e commette reati, chiede le dimissioni dei suoi indagati, acquisisce pubblica visibilità, scende in politica, vince le elezioni nella terza città d’Italia. Da politico e amministratore si lamenta con la giustizia che lo ha colpito, diventa garantista, ma solo verso se stesso, si rifiuta di dimettersi come la legge pretende, parla di poteri forti e di complotti a suo danno. Meraviglioso questo De Magistris, condannato, con un vice a sua volta condannato, senza una maggioranza in Consiglio, che tiene duro, contrariamente ad Errani, che si è dimesso per una condanna meno grave. Senza lamenti e tormenti.

Ma Errani non è mai stato magistrato. Conosce le regole della politica, più di questo Masaniello, che pretende che la giustizia valga per gli altri e non per lui. De Magistris appartiene alla casta dei magistrati, tanto che subito ha ricevuto la solidarietà di Di Pietro, un altro che fra toghe gettate e case comprate, di questa morale se ne intende. Dunque siamo al paradosso. Tornando non a quelli più sofisticati di Zenone, ma a quello più popolare della gente comune, viene spontaneo il detto: “Chi di spada ferisce, di spada perisce”. Oppure quello di Nenni: “C’è sempre un puro più puro che ti epura”. Ma la verità e un’altra. Lui ha capovolto anche la morale cristiana perché sta applicando l’esortazione: “Fai agli altri quello che non vorresti che gli altri facessero a te”. Tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge. Tranne De Magistris, toga de Magistratis…

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.