Home » Nazionale

Le romanarie

19 marzo 2016 376 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Tra Pd diviso sempre e centro destra spaccato, tra Meloni che al secondo turno è pronta a votare per Virginia Raggi, l’avvocata grillina, già nello studio Previti e oggi alfiere di Grillo, come la Santanché che l’ha anticipata nellla stessa propensione, sempre di piú le elezioni di Roma, dopo primarie, comunarie, gazebarie, si presentano come un test d valenza nazionale. Alle romanarie il Pd presenta il suo miglior candidato renziano, quel Giachetti che ha importato nel partito i metodi dei digiuni pannelliani per poi trasportare Renzi dal suo ex leader e guru. Ma la sinistra si conterá su Stefano Fassina, o su Ignazio Marino, dopo il non possum di Bray, dalemiano tentato? Valuteranno le forze in campo.

Il centro-destra si spezza su Bertolaso, dopo che su quel nome pareva aver trovato la sua unità. Salvini, che non capisco cosa possa contare su “Roma ladrona”, oggi trasformata in “Difendiamo anche Roma dai campi rom”, gioca la carta Meloni per costruire la destra lepenista del dopo Berlusconi. E quest’ultimo si trova doppiamente spiazzato, perché capisce che quella destra nascerá senza di lui e che il centro é ormai tutto orientato, con o senza Alfano, su Renzi. Casini ha un bel da richiamare Berlusconi a creare un centro forte con lui e con Alfano. Sarebbe un centro debole e tutto subalterno a Renzi. Un centrino, un renzino.

Perfino il povero Zanetti di Lista civica riunisce i moderati, e tenta l’impossibile. Nell’area moderata giá ci sono Alfano, Casini, Verdini, e ci vorrebbe stare perfino Berlusconi, sia pur in un fronte opposto, e mettiamoci anche Zanetti e Portas. Ma quanto puó contare quest’area quando già essa é politicamente coperta dal Pd renziano? Anche per questo l’asse Salvini-Meloni, benedetta dalla bella e giovane Marion Le Pen, ha una sua giustificazione. E si fonda sulla necessitá, a fronte di un centro ormai largamente coperto da Renzi, di rilanciare una nuova destra, antieuropea, anti tasse, anti immigrati. Piú avanti, e intervenendo a Salerno, diró quale a mio avviso dovrebbe essere l’attracco della nostra scialuppa socialista. Se essa vuol difendere davvero i suoi valori di equità e di libertà delle persone. Se vuol essere non solo memoria, ma anche futuro.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.