Home » Nazionale

Il 1992 socialista

3 settembre 2016 244 views No CommentStampa questo articolo Stampa questo articolo

Da domenica e per cinque domeniche consecutive l’Avanti pubblicherà una sorta di mio diario sulla crisi del Psi, intitolato, volutamente, come il celebre film proiettato su Sky. Molte delle vicende sono tratte dall’ultimo volume della mia Storia del socialismo reggiano, che in realtà si diffonde in larga parte anche sulla storia nazionale. Il testo, in cinque puntate, come fosse un film, parte in realtà dal 1989, cioè da quell’evento storico, la fine del comunismo, che cambiò profondamente, con la fine del Pci, anche il sistema politico italiano. Il primo segnale fu l’avanzata della Lega, un micro movimento che pareva confinato solo nella profonda provincia lombarda.

Poi seguirono i referendum di Segni, il primo sulla preferenza unica nel 1991, che il Psi di Craxi non comprese, tanto da invitare gli elettori ad andare al mare, seguito poi da quello del 1993, che metteva fine al sistema proporzionale inaugurando quello maggioritario. Infine le inchieste del Pool mani pulite sulla corruzione che fecero il resto colpendo i partiti di governo e lasciando intatti Pci e Msi. Le inchieste partirono già prima delle elezioni politiche del 1992 con l’arresto di Mario Chiesa e poi si allargarono a dismisura dopo l’elezione di Scalfaro alla presidenza della Repubblica, figlia della strage di Capaci, ove venne trucidato il giudice Falcone, all’epoca stretto collaboratore del ministro Martelli.

Il mito di Di Pietro, l’azione politica del potere giudiziario, l’omicidio di Borsellino, l’offensiva della mafia e i suoi nuovi atti di sangue, accompagnano un anno che vede nel Psi il tentativo, tardivo, di Martelli, mio e di altri di impedire la scomparsa. Tutto veniva travolto a una velocità impressionante, dopo che Scalfaro aveva dato il mandato di formare il governo a Giuliano Amato. Napolitano, presidente della Camera, Spadolini, presidente del Senato, Scalfaro, presidente della Repubblica, lo stesso Amato, presidente del Consiglio saranno gli unici ad essere risparmiati dalla magistratura in cambio di un appoggio all’azione dei magistrati e del ritiro di qualsiasi legge di depenalizzazione dell’illecito finanziamento alla politica.

Poi il 1993, altri avvisi, i suicidi, lo spappolamento della Dc e del Psi, il tentativo non riuscito di creare un argine all’avanzata di una sinistra giustizialista, con un nuovo asse tra Segni, Martinazzoli, Bossi, infine la discesa in campo di Berlusconi mentre nel Psi la segreteria Benvenuto aveva lasciato il campo a quella di Del Turco. Le faide interne, le monetine a Craxi, la gioiosa macchina da guerra, fino alla clamorosa sconfitta dei progressisti alle elezioni del 1994, mentre i candidati socialisti dovevano passare sotto le forche caudine dei tavoli giacobini, erano eventi che si susseguivano a cadenze quotidiane. Lo sbandamento, il tentativo di resistere o piegando la testa o rifugiandosi nel nuovo partito berlusconiano, poi tante ripartenze fallite, il nostro amaro destino, convinti di avere vinto nella storia per poi essere sopraffatti nella politica, sia pure così pesantemente orientata dal potere giudiziario. Di tutto questo, più precisamente, tratterò a cominciare da domenica e per cinque domeniche sulla rubrica Fili rossi dell’Avanti. A domenica, allora. Ognuno potrà portare la sua esperienza, esprimere il suo parere.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.